CONTINUA LA CRESCITA DEI PRODOTTI A BASE VEGETALE

VERSATILI, SANI, GUSTOSI, SONO SEMPRE PIÙ PRESENTI IN OGNI OCCASIONE DI CONSUMO.SCOPRIAMO I CONSIGLI DI UN ESPERTO PER PORTARLI IN TAVOLA, DALLA COLAZIONE ALLA CENA.

94676e54-7895-4833-b4fc-ef369377ed50.jpg

 

  • Post pandemia, il consumo di plant-based ha continuato a crescere, registrando un incremento di quasi 10 punti percentuali nel 2021 (+9,9%). Trend consolidato anche nel I semestre 2022 (+ 0,7%)
  • Segnano un vero e proprio “boom” alcune specifiche categorie merceologiche: +24,6% per burger e piatti pronti veg; +13,7% per salse e condimenti; +9,6% per le bevande vegetali
  • Oggi 1 italiano su 2 (54%) dichiara di consumare plant-based (il 21% lo fa abitualmente) e nei prossimi 6-12 mesi, il 16% degli italiani intende aumentare ancora l’acquisto di prodotti con proteine vegetali
  • Buoni, versatili e salutari, i plant-based si adattano ad ogni occasione di consumo, nel corso della giornata: dalla colazione alla cena. Per abbinarli e consumarli al meglio, il Gruppo Prodotti a base vegetale di Unione Italiana Food, con l’aiuto del foodblogger Paolo Pedemonte, ha messo a punto una serie di ricette “home made” sfiziose, ma semplici e veloci da realizzare ​

 

Settembre 2022 – In Italia, il consumo di cibi e bevande a base vegetale è sempre più trendy e i prodotti plant-based si confermano protagonisti del carrello della spesa: spopolano sulle tavole dei vegani e vegetariani, ma pure e soprattutto su quelle dei ‘flexitariani’1, che li scelgono sempre più spesso; e dagli scaffali dei supermercati arrivano anche alle cucine stellate, dove si moltiplicano le proposte gourmet di piatti a base “veg”. Post pandemia, il consumo di questi prodotti ha continuato a crescere: secondo i dati IRI 2021, diffusi dal Gruppo Prodotti a Base vegetale di Unione Italiana Food, si stima che il comparto plant-based, nel suo complesso, lo scorso anno abbia registrato un incremento del +9,9%. Un trend confermato anche nei primi 6 mesi del 2022, in cui la crescita del comparto sembra essersi consolidata (+0,7%).

“I prodotti a base vegetale coprono ormai moltissime categorie merceologiche, con un’offerta che asseconda i gusti di tutti e si inserisce in ogni momento della giornata”, dichiara Salvatore Castiglione, Presidente Gruppo Prodotti a base vegetale di Unione Italiana Food. “I consumatori di oggi sono ben informati e sanno quali benefici derivano da una dieta variegata ed equilibrata, ricca di verdure, cereali, alimenti integrali e frutta. Benefici non solo per la propria salute, ma anche per quella del Pianeta. Ecco perché, negli ultimi anni, i prodotti a base vegetale hanno conquistato moltissime famiglie, raggiungendo circa 22 milioni di consumatori. I plant-based sono figli del nostro tempo, non sono una semplice ‘moda’. Questo non significa che sostituiranno altri alimenti della nostra dieta, ma a cambiare saranno piuttosto quantità e frequenza di consumo, perché a tavola c’è posto per tutti”, conclude Castiglione.

In occasione del World Vegetarian Day (1° ottobre), il Gruppo Prodotti a Base vegetale di Unione Italiana Food - la più grande Associazione di rappresentanza diretta di categorie merceologiche nel settore alimentare in Italia e in Europa - ​ fa il punto della situazione sul comparto plant-based e, grazie al contributo del foodblogger Paolo Pedemonte, mette a punto 4 speciali ricette che spiegano come abbinare e servire i prodotti a base vegetale, per gustarli al meglio, dalla colazione alla cena. ​

 

UN SETTORE IN CRESCITA COSTANTE: I DATI

Il successo dei prodotti a base vegetale è sempre più trasversale: nell’ultimo anno, diverse categorie merceologiche che compongono il settore hanno registrato ottime performance. In particolare, nel 2021, come confermano i dati IRI: i burger e piatti pronti vegetali hanno raggiunto quota +24,6%; le bevande vegetali +9,6%; i prodotti al cucchiaio con fermenti lattici + 5,8%; le salse e i condimenti + 13,7%.

Stando anche ai dati resi noti dall’ultimo Rapporto Coop 2022, alcuni specifici segmenti hanno segnato un vero e proprio “boom”: ad esempio, +108% le vendite di salumi veg2; etra le bevande vegetali, scelte oggi da 22 milioni di italiani, quelle a base di avena registrano la crescita più consistente (+24,7%), sebbene le bevande a base di soia restino le preferite dai consumatori.

Dati che confermano quanto i plant-based siano ormai entrati a far parte delle abitudini alimentari degli italiani, che li considerano sani, buoni e versatili e per questo li scelgono e li introducono sempre di più nella propria dieta. Come nel caso dei prodotti con proteine vegetali3, dei quali il 16% degli italiani dichiara di voler aumentare ulteriormente l’acquisto nei prossimi 6-12 mesi. Inoltre, come rivela la prima ricerca italiana sui plant-based, condotta da Bva-Doxa per il Gruppo Prodotti a base vegetale di Unione Italiana Food, 1 italiano su 2 (54%) afferma di acquistare già prodotti a base vegetale: il 21% abitualmente; il 33% occasionalmente. Vengono consumati soprattutto a casa (dal 58% degli user), ma più di 2 su 10 (22%) li scelgono sia a casa che al ristorante.

Ma, nonostante questi prodotti siano sempre più presenti nelle nostre cucine, sappiamo davvero come abbinarli e prepararli al meglio? Le ricette messe a punto dal Gruppo Prodotti a base vegetale di Unione Italiana Food, in collaborazione con il foodblogger Paolo Pedemonte, ci aiutano a capire come fare.

DALLA COLAZIONE ALLA CENA: PLANT-BASED PROTAGONISTI DELLE NOSTRE TAVOLE

Scopriamo 4 facili e gustose preparazioni, da realizzare home made, per portare in tavola i prodotti a base vegetale in 4 diverse occasioni di consumo, per tutti i gusti e le necessità: una colazione energizzante, un pranzo veloce ma gustoso da portare in ufficio, una merenda nutriente post allenamento e infine una cena tra amici.

 

PER UNA COLAZIONE ENERGIZZANTE - Scopri la ricetta qui

 
 

PER UN PRANZO IN UFFICIO SANO E GOURMET - Scopri la ricetta qui

 
 

PER UNA MERENDA NUTRIENTE POST WORK-OUT - Scopri la ricetta qui

 
 

PER UNA CENA “STREET FOOD” TRA AMICI - Scopri la ricetta qui

 
 

1 La dieta flexitariana (dall’unione degli aggettivi “flexible” e “vegetarian”), lanciata dalla nutrizionista USA Dawn Jackson Blatner, raccomanda una dieta plant based, ma senza rinunciare al consumo di proteine animali, purché nelle giuste quantità e controllando la loro qualità.

2 Dati Rapporto COOP 2022.

3 Dati Rapporto COOP 2022.

 

Photo by Paolo Pedemonte

Chiara Natalini

Media Relations, INC - Istituto Nazionale per la Comunicazione

Elena Mastroieni

Senior Account Media Relations, INC - Istituto Nazionale per la Comunicazione

 

Ottieni gli aggiornamenti nella tua casella di posta

Cliccando su "Iscriviti" l'utente conferma di aver letto l{privacyPolicyLink} e di accettarla.

Maggiori informazioni su UNIONE ITALIANA FOOD

Le principali aziende attive sul mercato italiano dei prodotti a base vegetale fanno parte di Unione Italiana Food, la più grande Associazione di rappresentanza diretta di categorie merceologiche nel settore alimentare in Italia e in Europa aderente a Confindustria.

 

Tra i produttori, sono presenti sia i grandi gruppi del food&beverage internazionale, sia realtà con una storia tutta italiana, molte delle quali con importanti proiezioni internazionali. Nel complesso, le aziende offrono un’offerta molto variegata in termini di prodotti: una caratteristica distintiva dell’offerta di prodotti a base vegetale in Italia.

Contatto

viale del Poggio Fiorito, 61 00144 Roma

+39 06 8091071

[email protected]

www.unioneitalianafood.it